giovedì 4 febbraio 2016

BABY SITTER: sarà quella giusta?


Inizio ad avere dubbi sulla scelta della baby sitter.

Io lavoro da casa nel mio studio e anche se ho due porte chiuse che mi separano da loro sento tutto.

Vi descrivo la mattinata senza dare giudizi o opinioni mie e voglio capire cosa ne pensate voi.

Alice stamattina si è svegliata alle 9.
Martina arriva alle 9:45. 
Io sto sistemando un pò e la cucciola è sul divano che si beve la sua ciuccia di latte.
Lei se la prende sulle ginocchia e le fa finire il latte.
Io intanto inizio a lavorare.
Sento che va in camera a prendere il biberon dell'acqua e che inizia a cantare la ninna nanna. Ma la vuole già addormentare, mi chiedo...
Alice inizia a piangere urlando.
Sento che si spostano in sala. 
Nel giro di mezz'ora la sento piangere 3 volte.
Alle 11.45 sento che riinizia a cantare la ninna nanna di prima. La canta per mezz'ora. 
Ad un certo punto Alice scoppia a piangere.
Esco dallo studio e trovo Alice in braccio suo in lacrime. 
Qui a Padova fuori oggi è grigio per cui abbiamo da stamattina la luce accesa. 
Loro in oscurita', luce spenta.
La prendo sulle ginocchia ed è tutta sorridente e saltellante.

Gliela lascio per tornare al lavoro e la cucciola e' disperata, non vuole assolutamente andare in braccio suo..ma purtroppo devo lavorare e gliela consegno piangente e le dico di cambiarle il pannolino. 
Ha pianto da quando giel'ho lasciata alla fine cambio pannolino.

Ore 13 le da la pappa, preparata da me..ne ha mangiata un quarto. 
A pranzo la piccola mi vede e come sopra..DISPERATA CHE VUOLE VENIRE DA ME.

Alle 14 la addormenta e alle 15 finito il suo orario e il mio di lavoro ci salutiamo..

Che ne dite?





7 commenti:

  1. Ciao Francesca,
    sono passata da questo tuo neonato blog ed ho letto con piacere questi post che rimandano un ritratto vivace della tua famigliola...unama e non!Quanto alla baby sitter,anch'io ho avuto perplessità ed ansie, perfino quando il mio maggiore, Lorenzo(31 anni) cominciò la scuola materna, affidato alle mie colleghe fidatissime e espertissime,, ma io immaginavo chissà quali crisi e pianti, invece se la spassava.Comunque, tutta questa nanna e oscurità...vigila e saprai com'è la situazione.
    Io posso solo dire che rivolgersi per un servizio a persone con le quali c'e un qualsiasi legame condiziona il rapporto.
    I miei auguri più sinceri a tutta la famiflia!
    Marilena

    RispondiElimina
  2. Ti parlo da nonna sitter, devo confessarti che sono molto più apprensiva di quanto lo fossi da mamma. Elena ha poco più di un anno e da un pò ci fa dannare tutti per mangiare, rifiuta tutto.Nonni e genitori, in super crisi!!!!!! Ho consigliato a mia figlia di provare a mandarla al nido fino alle 14 e poi la riprendiamo noi fino al suo rientro. L'altro giorno volevo mettere la testa sotto la doccia x capire se stavo dormendo.......al nido ha pranzato con pasta e broccoli......Che dire? I bambini sono imprevedibili e noi troppo ansiosi. Un abbraccio e buon proseguimento
    Emi

    RispondiElimina
  3. La scelta di Alice mi sembra palese: la baby sitter non le piace e poi perché cercare di farla addormentare se la piccola aveva voglia di stare sveglia? La giornata grigia non esclude che si possano fare delle cose interessanti in casa.
    Lieta di conoscerti Francesca e buona giornata a te !

    RispondiElimina
  4. Buongiorno Francesca,
    passo per dare un'occhiatina al tuo blog e ringraziarti per la gradita visita all'Angolo.
    Un cordialissimo saluto.

    RispondiElimina
  5. Ciao Francesca, grazie della visita! Immagino la tua apprensione... se la bimba non vuole dormire non la si può obbligare...suggerisci di fare dei giochi tranquilli , di interessarla in qualche modo..facci sapere come prosegue la nuova esperienza, noi "facciamo il tifo" per te!!

    RispondiElimina
  6. Ma perchè ostinarsi a farla dormire se non vuole? Io non ho figlia quindi parlo da profana ma mi sembra davvero una cosa assurda.
    Ciao, a presto.
    Antonella

    RispondiElimina
  7. Secondo me,la bambinaia non piace alla piccolina e se non c' è empatia non c'è nulla da fare. Inoltre la bambina sa che la mamma è di là e quindi la reclama a viva voce.

    RispondiElimina

Ogni commento è per me una gioia..